APOCALISSE A BAGHDAD, 165 MORTI E 540 FERITI


Repertorio (www.university.it)

E’ di almeno 165 morti e 540 feriti il bilancio provvisorio dell’esplosione di un camion-bomba e di un’autobomba deflagrati a distanza di pochi minuti nel centro di Baghdad. Lo riferisce la Fox News. Era dal 19 agosto, quando un doppio attacco contro i ministeri degli Esteri e delle Finanze fece un centinaio di morti, che la capitale irachena non era teatro di attentati su larga scala.

La prima esplosione e’ avvenuta alle 10.30 locali (le 7.30 in Italia) a un incrocio su cui si affacciano il ministero della Giustizia e quello del Lavoro, l’altra nei pressi della sede del governo provinciale, nel quartiere di Salhiyeh. Le autobombe sono state azionate da kamikaze. Decine di autovetture sono state distrutte nelle strade adiacenti alla zona, sul fiume Tigri. Un tubo di una fognatura si e’ spaccato e ha inondato di acqua sporca le strade adiacenti.

Il portavoce del governo, Ali al-Dobbagh, ha affermato che gli attacchi potrebbero essere opera di militanti di Al Qaeda o dei baathisti nostalgici di Saddam Hussein. Il premier iracheno Nuri al-Maliki ha visitato i luoghi degli attentati. “Sono le stesse mani nere che hanno coperto di sangue il popolo iracheno” il 19 agosto, ha detto il premier in un comunicato. “Vogliono mandare il Paese nel caos, intralciare il processo politico e impedire le elezioni parlamentari”, ha aggiunto Maliki. Il presidente Jalalal Talabani ha accusato “i vicini, che dovrebbero smetterla una volta per tutte di proteggere e finanziare le forze che proclamano apertamente ostilita’ all’Iraq”.

L’attacco e’ avvenuto poco prima della riunione prevista per il pomeriggio fra i leader iracheni per cercare un accordo sulla riforma elettorale e scongiurare cosi’ il rinvio delle elezioni politiche, fissate per il 16 gennaio. Tra gli edifici danneggiati ci sono anche quello che ospita l’hotel al-Mansour, quello dell’ambasciata cinese e di numerosi media. L’attentato getta ombra sulle effettive capacita’ delle forzxe di sicurezza locali di controllare la situazione dopo il ritiro delle truppe americane dalla grandi citta’.

L’apocalisse di Baghdad ha fatto la fortuna di un iracheno che era stato rapito da almeno tre uomini. Era stato prelevato e immobilizzato nel bagagliaio di un’automobile nei pressi del palazzo del governo provinciale della capitale irachena, ma il conducente del veicolo e’ rimasto ferito dalla prima esplosione e due suoi complici sono morti. Il prigioniero e’ riuscito a dare l’allarme picchiando ripetutamente contro il bagagliaio e attirando l’attenzione di un agente. (Agi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: