Le radici dell’antiamericanismo

La politica estera USA in Medio Oriente

di Baxter Kylie, Akbarzadeh Shahram

Odoya – 2009

pp. 280

(volume in traduzione dall'editore Routledge-Taylor&Francis Group)

descrizione:

Negli ultimi 60 anni, Washington ha giocato un ruolo fondamentale

nello scacchiere politico del Medio Oriente. Dall'Iran del 1950 alle

guerre verso l'Iraq, la politica estera americana ha da sempre avuto

un impatto devastante sulle questioni interne dei territori

Mediorientali. Un'esplorazione sui punti critici alla base della

crisi fra Occidente e Oriente musulmano, sui motivi del profondo

antiamericanismo che pervade l'opinione pubblica dei paesi arabi, ma

anche sulle interconnessioni economiche e politiche che fanno del

Medio Oriente una regione strategicamente fondamentale. Una chiara e

riassuntiva descrizione delle radici storiche alla base di molti dei

problemi con i quali ci confrontiamo oggi.

AUTORI:

Kylie Baxter è ricercatore presso il National Center of Intelligence

for Islamic Studies dell'Università di Melbourne.

Shahram Akbarzadeh è professore e direttore del National Center of

Intelligence for Islamic Studies dell'Università di Melbourne.

Numerose le sue pubblicazioni.

null

Il terremoto in Albania visto dall’INGV

di Sostine Cannata
Tratta da: http://cnt.rm.ingv.it
Il terremoto verificatosi in Albania ieri sera 6 settembre 2009, alle ore 23:49:44 ora italiana (21:49:44 UTC) e che è stato di Magnitudo 5,2 (MI), con epicentro nella zona di Dibra, circa 100 chilometri a nord-est di Tirana, vicino al confine con la Macedonia, è avvenuto a 18 Km di profondità, latitudine 41.43, longitudine 20,44. Le informazioni provengono dal sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Il sito informa in tempi rapidi di tutti i sismi del pianeta. Un’intera pagina è dedicata al sisma dell’Aquila. Inoltre è possibile scaricare le mappe dei luoghi dei sismi.

Animali: la musica li influenza

Studio Usa su reazioni alle canzoni sulle scimmie

Se fatta appositamente per loro, la musica non solo piace agli animali, ma li influenza emotivamente, proprio come accade con gli uomini. E’ la conclusione a cui sono arrivati Charles T.Snowden, psicologo della University of Wisconsin, e David Teie, violoncellista della National Symphony Orchestra, autori di uno studio in Usa sulle reazioni alla musica nelle scimmie Tamarin.I ricercatori vogliono estendere il programma ad altri mammiferi. La musica e’ stata creata appositamente per gli animali. (ANSA)

(ndr: guarda VIDEO su The Washington Post)

Automobilismo, F1: intervento riuscito per Massa

c366c6df7a17e3f8a9bee55c95f0dbd2

Ha avuto esito positivo l’intervento cui Felipe Massa e’ stato sottoposto in Brasile per sistemare la scatola cranica. L’operazione e’ stata fatta nel punto in cui si era verificato l’impatto con la molla, nell’incidente del 25 luglio. Lo ha reso noto la Ferrari, aggiungendo che l’operazione e’ durata circa quattro ore. Dopo una breve degenza Massa potra’ fare ritorno a casa e poi, una volta ristabilitosi pienamente, riprendere la preparazione fisica. (ANSA)

Merendine non causano obesità

Sito a loro dedicato sfata pregiudizi, le difende e da’ consigli

Tratta da: http://2.bp.blogspot.com

Non e’ vero che le merendine industriali favoriscono l’obesita’ infantile, oggi sempre piu’ diffusa anche in Italia.Per sfatare questo pregiudizio e’ nato il sito ‘www.merendineitaliane.it‘ che le difende e da’ consigli sull’alimentazione. Leggi il seguito di questo post »

9/11: morti oltre 800 soccorritori

Piu’ di 200 deceduti per cancro

TRATTA DA: www.luogocomune.net

Gli attentati dell’11 settembre 2001 uccidono ancora: in otto anni hanno perso la vita hanno perso piu’ di 800 soccorritori. Secondo l’assessorato alla sanita’ dello stato di New York, hanno perso la vita un totale di 817 persone tra i soccorritori che aiutarono a scavare a Ground Zero e i lavoratori della discarica di Fresh Kills Landfill, dove furono portate le macerie del World Trade Center. Almeno 270 sono rimasti vittima del cancro; 37 i morti per leucemia. (ANSA)

Beni tolti alla mafia: Roma segue Palermo

I patrimoni di provenienza illecita sequestrati e confiscati dai magistrati ai mafiosi vedono in testa Palermo con 14.973 beni. Segue Roma con 11.648 beni, poi Reggio Calabria con 5.248.

La graduatoria, diffusa da Asud’Europa si basa sulla relazione del ministero della Giustizia. Dei 3.888 beni confiscati, il 38% e’ in Sicilia, seguono il Lazio (16%) e la Campania (13%). Il primato spetta anche in questo caso a Palermo con 946 beni sottratti. Seguono Roma con 590 e Milano con 374.

(Ansa, 7 settembre)