accordo Trenitalia/ Duferdofin


Apprendiamo con speranzosa soddisfazione di un accordo di programma fra Trenitalia e la Società “Duferdofin – Nucor Srl” relativo al trasporto su rotaia dei prodotti in acciaio e profilati pesanti fra i due siti produttivi di S.Zeno (Brescia) e Giammoro (Messina).

Per quanto ci è dato sapere, l’accordo, di durata quinquennale, prevede il trasporto su treni merce del prodotto dell’acciaieria di S. Zeno (blumi e billette di acciaio) verso lo stabilimento di Giammoro che provvede alla laminazione del prodotto e alla trasformazione in travi. Successivamente il prodotto finito viene riportato a S.Zeno per la vendita nel mercato nazionale e internazionale.

Nel 2008 il volume complessivo trasportato da Trenitalia Cargo per il Gruppo Duferdofin – Nucor è stato di oltre un miliardo di tonnellate/km di acciaio con un incremento del 19 per cento rispetto all’anno precedente; l’accordo in questione, oltre a consolidare una partnership già forte tra le due società, punta altresì ad incrementare il trasporto merci su rotaia anche per favorire la tutela dell’ambiente: i trasporti effettuati da Trenitalia Cargo complessivamente per il Gruppo Duferdofin – Nucor, via ferrovia anziché su camion, comporteranno una riduzione di Co2 nei prossimi cinque anni di circa 160.000 tonnellate.

A monte dell’importantissimo accordo che senz’altro contribuirà  all’incremento di produzione nel servizio cargo, ci si augura che le tratte siciliane siano pronte a sfruttare l’opportunità; l’attuale condizione del servizio di traghettamento (con due sole navi a quattro binari) e il progetto di esternalizzazione  manifestato da cargo Sicilia con il programma di trasferimento del trasporto merci in subappalto a ditte private locali; si pongono in antitesi con i positivi sviluppi produttivi che potrebbero nascere di conseguenza all’accordo fra Trenitalia e Duferdofin – Nucor.

Sarebbe gravissimo se la Sicilia ferroviaria si facesse trovare, ancora una volta, impreparata a fornire un servizio efficiente; dalla produzione e dal trasporto dell’acciaio dipende il futuro di migliaia di ferrovieri e dei lavoratori dell’acciaieria di Giammoro che da anni attendono l’opportunità per il rilancio dei due settori concatenati.

I Ferrovieri Siciliani sono pronti a confrontarsi con l’incremento di produzione, ci si augura che anche la dirigenza locale abbia interesse a scommettere sull’efficienza del servizio; il persistere dell’attuale stato di arrocco dimostrerebbe, ancora una volta, che le Ferrovie meridionali riescono a garantire il trasporto solo di conseguenza ai contributi statali.

Chi ha voluto privatizzare e inserire il servizio essenziale nelle logiche di mercato adesso ha il dovere di misurarsi con il mercato e con la concorrenza; i lavoratori sono pronti, F.S. dimostri che anche al sud è possibile investire e produrre a rischio d’impresa.

Per quanto sopra si chiede alle SS.LL. in indirizzo di fare chiarezza sulle condizioni e sui programmi relativi ai servizi Cargo e Navigazione e quali iniziative intendono porre in essere per sfruttare la favorevole opportunità in oggetto.

Per la Segreteria Provinciale OrSA

Per la Segreteria Regionale OrSA

Maurizio Riposo

Mariano Massaro

Pubblicato su Lavoro. Leave a Comment »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: