Lotta agli abbandoni, Martini: “Gli alberghi accolgano gli animali”

di S.I.

“Vorrei che tutte le strutture ricettive accogliessero i cani: in momento di crisi, oltre a essere un servizio per gli 8 milioni di prorpietari di cani che lo desiderano, è anche un’ottima opportunità”. Questo ‘l’appello’ del sottosegretario al Welfare Francesca Martini nel corso della conferenza di presentazione del progetto anti-abbandono degli animali (in particolare dei cani) interministeriale Turismo-Welfare ‘Turisti a 4 zampe’.

Da sempre, aggiunge Martini, “vado in vacanza con i miei cani”. L’obiettivo, aggiunge, è di “far sentire i proprietari e i cani perfettamente integrati nell’ambiente” di vacanza. Un aspetto, avverte Martini, che “deve però passare anche dalla responsabilità del proprietario”. Molto potrà fare in termini di “impulso, il premio che il progetto assegna alla migliore struttura ricettiva” per i nostri amci a quattro zampe. Nel corso della conferenza stampa è stata presentata una guida che si spera diventi “un progetto dinamico” con “soluzioni concrete anche sulla gestione quotidiana”, come, per esempio, “valutazioni medico-sanitarie” per promuovere “una cultura della responsabilità in questo Paese.”

“L’obiettivo” – ha detto Martini – “è non soltanto sanzioni ma anche educazione”. Il sottosegretario ha inoltre sottolineato come contro il randagismo, l’azione portata avanti “sta dando segnali di inversione di tendenza”. In particolare, “raccolgo il plauso” – ha concluso – “anche di Paesi stranieri come Svizzera e Inghilterra, con la speranza che in futuro il nostro possa diventare un modello”.

(Ansa, 17 luglio)

Partito del Sud? L’ennesimo inganno

di Arturo Scotto

Sembra che il Mezzogiorno sia tornato ad essere il centro di una nuova sperimentazione politica. Alleanze, partiti, leadership intendono misurarsi su questo terreno e da qui trarre forza e consenso. Partito del sud? Leggi il seguito di questo post »

PROGETTO RIVOLTO AGLI STRANIERI

E’ stato pubblicato all’Albo Pretorio del Comune e sulla odierna Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, il bando per l’affidamento della gestione del progetto denominato “G2 Seconde Generazioni crescono”, previsto nell’accordo di programma 2006, rivolto alle seconde generazioni di stranieri presenti in Italia. Leggi il seguito di questo post »

Cisl e Fit Cisl su Vertenza Trasporti

Martedì 21 luglio, a Roma, su invito del ministro Matteoli, il sindaco Buzzanca  si incontrerà con l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti, con i vertici di Rfi e Trenitalia, alla presenza dei presidenti di Sicilia e Calabria e i primi cittadini di Villa San Giovanni e di Reggio Calabria. Leggi il seguito di questo post »

L’On. Laccoto eletto presidente della Commissione Sanità della Regione Sicilia. Fioccano i commenti entusiastici dei colleghi di partito

di S.I.

L’Onorevole Giuseppe Laccoto (PD) é stato eletto ieri, giovedì 16 luglio, presidente della Commissione Sanità della Regione Sicilia.

“E’ motivo di grande soddisfazione l’elezione a Presidente della Commissione Sanità dell’On. Giuseppe Laccoto, al quale formuliamo i migliori auguri di buon lavoro”, ha di seguito affermato il Segretario regionale del Partito democratico, Francantonio Genovese. “Non so se è vero” – ha aggiunto Genovese – “che ‘per fare opposizione non servono alleanze’, ma certamente bene hanno fatto Pd ed Udc a far convergere i loro voti su un unico candidato”.

“Un ulteriore spunto di riflessione che deriva dall’elezione” – ha insistito Genovese – “è relativo all’ormai conclamata inconsistenza della maggioranza parlamentare all’ARS: due esponenti del centrodestra, infatti, hanno preferito dare il loro consenso al candidato del Pd piuttosto che seguire le indicazioni dei loro partiti”.

“Siamo stati facili profeti” – ha concluso – “ma credo che continuare a nascondere la propria debolezza sia un errore grave che il governo e le forze di centrodestra stanno commettendo e che i siciliani tutti finiranno per pagare”.

Gli fa eco il collega di partito Antonello Cracolici, che dichiara: “La maggioranza che sostiene il governo Lombardo non è maggioranza in commissione Sanità, dove alla fine è andata così come mi ero augurato: il candidato del PD, già vicepresidente in carica, è stato eletto alla presidenza. Su di lui si sono indirizzati anche i voti di Udc ed Mpa, a conferma che la nostra era la migliore proposta in campo”.

Il presidente del gruppo PD all’Ars, a proposito dell’elezione di Giuseppe Laccoto alla presidenza della commissione Sanità all’Ars, aggiunge: “La commissione Sanità è un organismo parlamentare chiamato a discutere argomenti delicati e centrali, e non nascondo che questa elezione porta un carico di orgoglio, ma anche di responsabilità, per il Partito Democratico all’Ars”.

“Auguro a Laccoto i miei più sinceri auguri di buon lavoro” – conclude Cracolici – “e sono certo che la competenza e l’esperienza maturata in questi anni saranno un importante patrimonio a disposizione della commissione”.

Tennis, Wta di Palermo: Pennetta ed Errani in semifinale

Dopo Sara Errani, anche Flavia Pennetta accede alle semifinali del torneo Wta di Palermo battendo Aravane Rezai (Fra) per 6/4  – 6/4.

La tennista brindisina, testa di serie n.1 e n.15 del ranking mondiale, ha dimostrato un ottimo stato di forma.

Il torneo di Palermo e’ dotato di un montepremi di 220.000 dollari.

(Ansa, 17 luglio)

Il Presidente del Consiglio comunale Previti ed i capigruppo consiliari intervengono sul mercato di Viale Giostra del 15 agosto

di S.I.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Previti, ed i capigruppo Giuseppe Capurro, Bruno Cilento, Sebastiano Tamà, Giuseppe Chiarella, Elio Sauta, Antonio Barone, Felice Calabrò, Claudio Canfora e Gaetano Isaja, in merito alle notizie che confermano per la festività dell’Assunta del 15 agosto, l’autorizzazione al mercato lungo l’asse centrale di viale Giostra, tra via Garibaldi e viale Regina Elena, hanno sottolineato in una nota che “negli anni centinaia di cittadini hanno lamentato questo tipo di scelta che paralizza il traffico veicolare in tutta la zona in quel giorno di festa, considerata anche la concomitanza proprio da piazza Castronovo della partenza della Vara, dove si accalcano oltre 50 mila persone. Una simile folla deve avere opportune vie di accesso e di eventuale fuga anche per i mezzi di soccorso, cosa che nella fattispecie non è realizzabile. Il mercato va certamente spostato in altro idoneo sito se non addirittura impedito considerata la giornata festiva e la sua nota rilevanza per la nostra città”.

“IlCarrettinodelleidee” é una nuova agenzia di comunicazione sociale che sarà presentata alla Provincia di Messina il 22 luglio

di Santino Irrera

Presentazione stampa della neonata agenzia di comunicazione sociale “Ilcarrettinodelleidee” nella mattinata di mercoledì 22 luglio 2009, dalle ore 10 alle ore 11 e 30, presso il Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina.
“IlCarrettinodelleidee” vuole essere, negli intenti dei suoi stessi organizzatori – tra i quali Padre Giuseppe Lonia e il dott. Nino Arena – una moderna concezione delle forze di comunicazione con le quali, attraverso una sinergia di mezzi, a prevalenza cattolica, si punti a sensibilizzare ed educare la cittadinanza ad una responsabile convivenza.

Per ulterori informazioni contattare pure il numero di cellullare 3396285616 od in alternativa l’indirizzo e-mail info@dsfotoreporter.com

Associazioni Messinesi: possibile l’accesso ad un fondo europeo per l’integrazione

di Santino Irrera

La Direzione centrale per le politiche dell’immigrazione e dell’asilo del ministero dell’Interno, dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, in qualità di Autorità responsabile della gestione del Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi 2007-2013, e in particolare di Organo esecutivo, ha pubblicato due avvisi relativi, rispettivamente, all’Azione 5 – annualità 2007  “Promozione della figura del mediatore culturale”, e all’Azione 6 – annualità 2008  “Elaborazione di un sistema omogeneo di monitoraggio e valutazione delle politiche e degli interventi di integrazione”.

Gli enti pubblici, le organizzazioni non governative e quelle senza scopo di lucro, le associazioni, le cooperative sociali, le fondazioni, le organizzazioni internazionali e intergovernative e le università che sono interessati ad essere invitati per l’elaborazione e realizzazione dei progetti cui si riferiscono gli avvisi, devono trasmettere la loro richiesta entro il 27 luglio 2009 all’indirizzo di posta elettronica eleonora.corsaro@interno.it .

La richiesta dovrà essere corredata dell’indirizzo della sede del soggetto richiedente, del recapito telefonico, del numero di fax cui far pervenire l’invito e dell’indicazione delle esperienze già svolte negli ambiti d’attività oggetto dei due avvisi.
Entrambi i progetti dovranno essere realizzati e conclusi entro il 31 dicembre 2009.
Per il progetto relativo all’Azione 5 il budget è di 83.333,33 Euro, Iva esclusa, mentre per il progetto relativo all’Azione 6 ammonta a 108.333 Euro, sempre con esclusione dell’Iva.

Finte diagnosi per vendere protesi ed ottenere rimborsi, quattro arresti per truffa all’Ausl

La guardia di finanza ha arrestato Stefania De Luca, 40 anni, amministratrice della ‘Progetto udito srl’, Maurizio Costa e Pietro Maglione, entrambi 45 anni, con le accuse di falso e associazione a delinquere finalizzata alla truffa.  I finanzieri hanno anche denunciato quattro persone e altre quattro sono state sottoposte all’obbligo di firma nel comune di residenza. L’operazione, denominata ‘Otolandia’, è stata disposta da un’ ordinanza del gip Maria Teresa Arena su richiesta del pm Adriana Sciglio ed è stata eseguita dal nucleo Tributario delle fiamme gialle di Messina.  Sequestrati conti correnti e disponibilità bancarie per oltre 63 mila euro. Secondo gli investigatori la  società ‘Progetto Udito Srl’ produceva protesi per l’udito, che poi riusciva a vendere, anche quando non erano strettamente necessarie, con la complicità di medici compiacenti. I sanitari redigevano false diagnosi, o prescrivevano l’apparecchio acustico anche quando non era necessario. Per ogni apparecchio acquistato, 15382_guardia-di-finanzal’Ausl rimborsava buona parte della spesa.

”L’ACR Messina non è più in vendita”

L’Acr Messina interviene con un comunicato per cercare di smentire le voci di una probabile vendita della squadra. Nel comunicato la società scrive: “La settimana concessa agli imprenditori messinesi e non per l’acquisto della società, è scaduta in data 9 luglio. Nessuno si è fatto avanti in maniera ufficiale o ufficiosa con la proprietà, per rendere effettivo tale acquisto o probabile interessamento”. Stemma_ACR_MessinaChiediamo – conclude la nota dell’Acr – di lasciare lavorare chi veramente si sta impegnando per fare calcio nella città di Messina, che sicuramente oltre all’impegno economico sta investendo tempo e fatica per riuscire a completare un organico in grado di affrontare un grande e soddisfacente campionato”.

Incendiato Internet point a Messina

Ignoti la scorsa notte intorno alle 4 hanno appiccato il fuoco ad un Internet Point di via Palermo a Messina. Le fiamme si sono rapidamente propagate all’interno dei locali, causando danni agli arredi. Non sono state trovate ne’ bottiglie incendiarie ne’ biglietti di minaccia. Sul caso indaga la polizia.

Scosse sismiche e frane nella Sciara del fuoco

STROMBOLI (MESSINA) – Si è intensificata, nelle ultime ore, l’attività dello Stromboli, vulcano più attivo delle Eolie. Cinque scosse associabili ad eventi franosi di moderata entità sono state registrate dai tecnici della sezione dell’Istituto di geofisica e vulcanologia di Napoli (Osservatorio vesuviano) che proseguono a monitorare il vulcano. Una è stata localizzata nell’area della Sciara del fuoco, mentre gli altri quattro segnali sismici sono stati osservati nell’area di Labronzo.stromboli_grande

I meridionali emigrano ancora al Nord in cerca di lavoro

I meridionali emigrano ancora al Nord in cerca di lavoro

Non hanno più la valigia chiusa con lo spago, ma i meridionali continuano a emigrare al Nord. Fenomeno che fa del Mezzogiorno italiano “un caso unico in Europa”, in cui la carenza di domanda di professioni di qualità spinge i migliori “cervelli” a cercare fortuna al Centro-Nord. E’ quanto segnala il rapporto sull’economia del Mezzogiorno 2009 dello Svimez, associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno.

Napolitano: “Istituzioni facciano di più”. In un messaggio inviato allo Svimez, il presidente della Repubblica sottolinea che deve crescere nelle istituzioni, così come nella società, la coscienza che il divario tra Nord e Sud deve essere corretto e superato. “La crisi economica rafforza il convincimento che una prospettiva di stabile ripresa del processo di sviluppo debba essere fondata sul superamento degli squilibri territoriali, necessario per utilizzare pienamente tutte le potenzialità del nostro Paese”, afferma Napolitano. Il lavoro della Svimez, prosegue il capo dello Stato, “offre un contributo importante allo sviluppo di un confronto nazionale”.

Italia divisa in due. L’Italia, si legge nello studio, “continua a presentarsi come un paese spaccato in due sul fronte migratorio: a un Centro-Nord che attira e smista flussi al suo interno, corrisponde un Sud che espelle giovani e manodopera senza rimpiazzarla con pensionati, stranieri o individui provenienti da altre regioni”. Inoltre, i posti di lavoro del Mezzogiorno, in particolare, “sono in numero assai inferiore a quello degli occupati. Ed è la carenza di domanda di figure professionali di livello medio-alto a costituire la principale spinta all’emigrazione”.

In dieci anni partiti in 700mila. Tra il 1997 e il 2008 circa 700mila persone hanno abbandonato il mezzogiorno. Nel solo 2008 sono oltre 122mila i residenti delle regioni meridionali partiti verso il Centro-Nord a fronte di un rientro di circa 60 mila persone. Oltre l’87% delle partenze ha origine da Puglia, Sicilia e Campania. In quest’ultima regione si registra l’emorragia più forte (-25 mila), a seguire Puglia e Sicilia rispettivamente con 12.200 e 11.600 unità in meno.


Pendolari di lungo raggio. Da considerare anche il fenomeno dei “pendolari di lungo raggio” che nel 2008 sono stati 173mila, 23mila in più rispetto al 2007. Persone residenti nel Mezzogiorno ma con un posto di lavoro al Centro-Nord o all’estero, “cittadini a termine”, come li definisce lo Svimez, che rientrano a casa nel week end o un paio di volte al mese. Si tratta di giovani con un livello di studio medio-alto: l’80% ha meno di 45 anni e quasi il 50% svolge professioni di livello elevato, il 24% è laureato.

Cittadini a termine. “Non lasciano la residenza – sottolinea la ricerca – generalmente perché non lo giustificherebbe né il costo della vita nelle aree urbane né un contratto di lavoro a tempo. Spesso sono maschi, single, dipendenti full time in una fase transitoria della loro vita, come l’ingresso o l’assestamento nel mercato del lavoro”. Le regioni che attraggono maggiormente questo genere di pendolari sono Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio.

Le matricole scelgono gli atenei al nord. Rispetto ai primi anni 2000 sono aumentati i giovani meridionali trasferitisi al Centro-Nord dopo il diploma che si sono laureati lì e lavorano lì, mentre sono diminuiti i laureati negli atenei meridionali in partenza dopo la laurea in cerca di lavoro.

I laureati “eccellenti” abbandonano il Sud. In vistosa crescita le partenze dei laureati “eccellenti”: nel 2004 se ne andava il 25% dei laureati meridionali con il massimo dei voti; tre anni più tardi la percentuale è balzata a quasi il 38%. Fenomeno, quest’ultimo, che si spiega con il fatto che la mobilità geografica Sud-Nord permette una mobilità sociale. I laureati meridionali che si spostano al Centro-Nord vanno infatti incontro a contratti meno stabili rispetto a chi rimane, ma a uno stipendio più alto. Il 50% di quelli che restano nel Mezzogiorno non arriva a 1000 euro al mese, mentre il 63% di quelli che sono partiti dopo la laurea guadagna tra 1000 e 1500 euro e oltre il 16% più di 1500 euro.  (www. repubblica.it)

87262c0c642c0bccc26f6b7a261a9816

L’ABOLIZIONE DEL PEDAGGIO AUTOSTRADALE DI VILLAFRANCA TIRRENA PER I RESIDENTI

Si è costituito venerdì scorso un Comitato formato da cittadini, consiglieri di quartiere e associazioni, che sarà appoggiato anche Consumatori Associati, per chiedere l’abolizione totale del pedaggio autostradale di Villafranca Tirrena. Il comitato è composto dal presidente Giacomo Russo, da due vicepresidenti, Lillo Riparante e Tonino Macrì, dai segretari Nicola Schillaci e Benedetto Cardullo e da Salvatore Tigani, Paolo Mazza, Pippo Presti Pino Romagnolo e Tindaro Previti. Domani sabato 18 luglio alle 10,30, nella sala Commissioni della Provincia di Messina, si svolgerà una conferenza stampa per discutere delle strategie e delle azioni che adotterà il Comitato per chiedere l’abolizione totale del pedaggio o, in subordine ,che non si facciano più pagare almeno i residenti a Messina. All’incontro sono stati invitati a partecipare tutti i deputati regionali e nazionali messinesi. Durante la conferenza stampa verrà illustrata la proposta di Consumatori Associati di intentare una causa collettiva contro l’Anas per il pagamento del pedaggio e chiedere un risarcimento. “E’ assurdo – ha commentato l’avvocato Ernesto Fiorillo, presidente di Consumatori Associati- che si faccia pagare in particolare ai residenti a Messina, il pedaggio che ricade nella zona di Messina. Chiederemo alle istituzioni di lavorare con noi per trovare una soluzione a questo annoso problema e auspichiamo che tengano in considerazione le esigenze dei residenti e dei commercianti che da tempo chiedono l’abolizione di questo pedaggio”. “Come nel caso della rampa del Boccetta e dei commercianti e residenti del Comune di Scaletta – la nostra associazione si schiera con i cittadini che troppo spesso sono costretti a subire situazioni a dir poco allucinanti senza poter reagire”.

(Email: consumatoriassociati@alice.it)pedaggio