Pecoraro: «Del tutto estraneo»

L’ex ministro dell’Ambiente, indagato con altre 15 persone per presunte tangenti legate alla realizzazione di una centrale elettrica, sottolinea che non si è mai occupato di finanziamenti «e men che meno di centrali a turbogas» Leggi il seguito di questo post »

344 consulenti al Ministero dell’Ambiente

Sebastiano Caspanello

Tempo stretto Politica

09/10/2007

Politica & sprechi: 344 consulenti al Ministero dell’Ambiente. Carbone: «Sono stati ridotti, e comunque il nostro è un settore delicato» Leggi il seguito di questo post »

Finanziamenti pubblici a una centrale

(Adnkronos) – L’inchiesta sui fondi per la realizzazione di un impianto a turbogas nel Comune di Scandale. Emessi 16 avvisi di garanzia. Oltre all’ex ministro dell’Ambiente, tra i destinatari l’ex sottosegretario alle Attività Produttive Pino Galati e l’ex presidente della Regione Calabria, Giuseppe Chiaravalloti. Pecoraro Scanio annuncia querela per calunnia: ”Completamente estraneo. Leggi il seguito di questo post »

Centrale a turbogas: 16 avvisi di garanzia

I carabinieri della compagnia di Crotone in collaborazione con i militari della Guardia di finanza hanno notificato 16 avvisi di garanzia tra Crotone, Catanzaro, Reggio Calabria e Roma nell’ambito di un’indagine condotta dal sostituto procuratore della Repubblica Pierpaolo Bruni sui finanziamenti pubblici che sono stati erogati per la realizzazione di una centrale per la produzione di energia elettrica a turbogas nel comune di Scandale e a Rizziconi. Leggi il seguito di questo post »

Scatta oggi lo sciopero dei blogger contro il ‘bavaglio Alfano’

Per la prima volta nella storia della Rete i blog entrano in sciopero.

Accade oggi, 14 luglio, con una giornata di rumoroso silenzio dei blog italiani contro il disegno di legge Alfano, i cui effetti sarebbero quelli di imbavagliare l’informazione in Rete.
Il cosiddetto obbligo di rettifica, pensato sessant’anni fa per la stampa, se imposto a tutti i blog (anche amatoriali) e con le pesanti sanzioni pecuniarie previste, metterebbe di fatto un silenziatore alle conversazioni on line e alla libera espressione in Internet.

Oggi dunque, invece dei consueti post, i blog italiani metteranno on line solo il logo della protesta, con un link al manifesto per il Diritto alla Rete: http://dirittoallarete.ning.com.

L’iniziativa prevede anche un incontro-sit in piazza Navona a Roma, alle ore 19, e un simbolico imbavagliamento sia dei blogger presenti sia della statua simbolo della libertà di espressione, quella del Pasquino.

Hanno aderito all’iniziativa blogger di ogni area politica (ma anche non politici) ed esponenti di diversi partiti e associazioni.

Tra gli altri: Ignazio Marino, Vincenzo Vita, Mario Adinolfi e Francesco Verducci (Pd); Antonio Di Pietro (Idv): Pietro Folena (Partito della Sinistra Europea); Amici di Beppe Grillo di Roma, Calabria e Taranto; Articolo 21; Sinistra e Libertà; Per il Bene Comune; Partito Liberale Italiano (PLI). Hanno aderito a titolo personale anche Giuseppe Civati, Sergio Ferrentino, Massimo Mantellini, Alessandro Robecchi, Claudio Sabelli Fioretti, Ivan Scalfarotto, Luca Sofri, Marco Travaglio e Vittorio Zambardino.

Anche alcuni parlamentari della maggioranza (come Antonio Palmieri e Bruno Murgia), seppur non verranno in piazza, hanno espresso la loro contrarietà alla norma imbavaglia-Rete presente nel ddl Alfano.

Sarà in piazza Navona anche il professor Derrick de Kerckhove, guru della Rete e docente all’Università di Toronto. Verrà infine annunciata la costituzione della “Consulta permanente per il Diritto alla Rete”: avrà l’obiettivo di aprire un tavolo di confronto tra il mondo della Rete e la politica, che tenga conto della libertà di espressione e di informazione, e soprattutto delle necessità di chi la Rete la vive ogni giorno come utente e cittadino.

(Fonte http://www.unita.it)

Concorsi a Veterinaria

In avvio di udienza i legali del Rettore, Franco Tomasello e dell’ex preside di Veterinaria, Battesimo Macrì, hanno ricusato il presidente del collegio Caterina Mangano ed un componente, Daniela Urbani. veterinaria10Gli avvocati Nino Favazzo e Carmelo Scillìa hanno depositato la richiesta di ricusazione alla Corte d’Appello di Messina. In dieci pagine i legali ricordano che la Mangano e la Urbani facevano parte del Tribunale della Libertà che il 22 dicembre 2008 rigettò l’appello contro la sospensione dalle funzione per due mesi del Rettore decisa dal Gip nel procedimento relativo al concorso all’Istituto di Medicina del Lavoro del Policlinico che si aggiudicò l’ex presidente del consiglio comunale di Messina, Umberto Bonanno.

Calcio: L’Usd Camaro prosegue l’opera di rafforzamento in vista del prossimo campionato

di S.I.

L’Usd Camaro Messina comunica che, per la stagione 2009/2010, a ricoprire l’incarico di team manager della prima squadra sarà Antonio Genitore, ex capo ufficio stampa dell’F.C. Messina.

Si comunica, inoltre, che, anche nella prossima stagione, a ricoprire il ruolo di addetto stampa sarà Davide Manzo.

Nel frattempo, l’Usd Camaro, ha comunicato anche la definizione dell’ingaggio dei calciatori Antonio Platania ed Emanuele Grio e la conferma del difensore Santo La Rocca.

Antonio Platania, attaccante, nato a Messina il 21/6/1978, lo scorso anno ha disputato il campionato di Eccellenza con la maglia del Due Torri, realizzando 6 reti in 20 partite giocate.

Emanuele Grio, portiere, nato a Messina il 14/5/1991, nel passato campionato è stato in forza al Garden Sport, squadra con cui ha collezionato, nel torneo di Promozione, 16 presenze.

Santo La Rocca, difensore, nato a Messina il 7/3/1991, cresciuto calcisticamente nel vivaio del Camaro, nella scorsa stagione è stato impiegato principalmente nella formazione juniores ed ha esordito in prima squadra nell’ultima gara di campionato (Milazzo-Camaro 0-0).

“La Fiamma Eterna”

di Santino Irrera, per concessione della poetessa ed artista Clementina Licopoli

Fiamma sempre viva!                                                                         

Potenza della fede!

Amore ardente!

S. P. Domenico

Potenza Divina!

Sei stato un tocco

il particolare

di un grande affresco!

Un progetto immenso

su un foglio di carta, bianco

“Divino”

Una penna, un verso, una poesia!

“S. Domenico”

sei stato un futuro

nel libro dei verbi

l’avvenire sereno

di un tempo che non é il mio

il domani, l’alba, la rinascita!

“La Fiamma Eterna”

Accendo una candela

cola la cera

si alimenta la fiamma

Sei Tu…                          

S. Domenico

“La forma che arde”

dare barlumi di chiarezza

Bruciare gli inganni

Pregare!

Una grande Luce

e l’Ombra di Dio

Profonda Pace!

Santo Monaco

“Domenicano”

Nome Divino

che durerà per sempre

Maestoso, forte, tremendo

e irraggiungibilmente alto

il Nome del Signore

S. P. Domenico

Modello

di umiltà e amore!

Mostra al Palazzo della Cultura a S. Angelo di Brolo

Il Consorzio Sisifo con le cooperative sociali Azione Sociale e Servizi Sociali ha organizzato una Mostra al Palazzo della Cultura a S. Angelo di Brolo.

Leggi il seguito di questo post »

PAGAMENTO DELLE SPETTANZE

Da domani, martedì 14, sarà avviato il calendario di pagamento, agli sportelli della Tesoreria comunale di palazzo Zanca, delle competenze per i componenti gli uffici elettorali di sezione, relativamente alle elezioni europee del 6 e 7 giugno 2009. Leggi il seguito di questo post »

Sicilia: effetto crisi, Messina la provincia con più licenziamenti

di Dario Buonfiglio

In Sicilia il 30% delle imprese ha licenziato personale nei primi tre mesi del 2009. Il dato emerge dalla “Ricerca sulla crisi e le imprese siciliane” prodotta dalla Cna regionale (Confederazione nazionale dell’artigianato) e presentata questa mattina a Palermo, a Palazzo dei Normanni. La ricerca si basa sul monitoraggio di 1.086 piccole imprese e imprese artigiane che operano nelle nove province siciliane in diversi settori: manifatturiero, costruzioni, servizi alle persone, servizi alle persone, servizi alle imprese, impiantistica. Il settore nel quale si registra la maggiore percentuale di imprese che ha licenziato personale è quello delle costruzioni con il 44,40%, segue il manifatturiero con il 28,96%, mentre il più basso è il settore dei servizi alle imprese, con il 17,31%. La provincia nella quale si registra la più alta percentuale di imprese che ha licenziato personale è Messina con il 42,98%, segue il 37,14% di Catania, mentre la percentuale più bassa si registra a Palermo, con il 18,92%.

protestamalpensa

Adesso vogliono cementificare anche la collina verde adiacente al Forte San Jachiddu

messina11Tra i piani quadro, dovrebbe infatti  essere riproposto quello riguardante il colle di San Jachiddu: un insediamento edilizio previsto su una superficie di quattro ettari (40 mila metri quadrati, quasi quanto l’intera cittadella fieristica!), nelle zone verdi adiacenti al Forte ottocentesco, oggi Parco ecologico gestito dalla cooperativa Scirin. Il piano quadro di iniziativa privata aveva avuto nell’ottobre 2006 il parere sfavorevole della X commissione e l’11 novembre dello stesso anno era stato bocciato dal consiglio comunale. Ma i proponenti hanno fatto ricorso al Tribunale amministrativo contro le decisioni dell’assemblea civica. E oggi il progetto sta per essere riproposto, probabilmente con qualche modifica. Ma le indiscrezioni che filtrano dal Palazzo riguardano anche altre zone della città. Ricordate Villa Roberto di Ganzirri e la grande superficie alberata adiacente allo splendido Parco? La nostra splendida città soffre, ormai da tempo, del non rispetto di alcun criterio edilizio: il prestigioso Sacrario di Cristo Re che un tempo la dominava, insieme al Santuario di Montalto, è stato inglobato in quintali di cemento appartenente a decine di orrende palazzine che ricoprono in maniera sconsiderata le colline circostanti. I danni compiuti sono irreparabili (fate caso proprio alla chiesa di Grotte, a Pace: il profilo paesaggistico “da cartolina” è irrimediabilmente compromesso dal “casermone” che incombe sul campanile della chiesa parrocchiale), le questioni della viabilità di accesso ai nuovi complessi, della protezione civile e del rischio sismico dovrebbero indurre tutti a un serissimo momento di riflessione. Ma con i fatti, non più solo con le parole. Sul cosa si possa fare nell’immediato politici e tecnici non hanno risposte chiare e univoche. Se ne sta dibattendo ormai da mesi e negli ultimi giorni il tema è stato ripreso durante due importanti occasioni di confronto: la presentazione delle linee portanti del Piano strategico “Messina 2020″ e il convegno-seminario organizzato dall’Ordine degli architetti sui temi della “democrazia urbana” e delle politiche territoriali per “la città del futuro”. C’è chi – come ha ribadito il vicepresidente della Regione, il neoassessore Nino Beninati – ritiene indispensabile l’approvazione di un nuovo Piano regolatore entro il 2012, a dieci anni dalla Variante che tanti disastri ha prodotto. C’è chi ritiene che oggi si possa agire subito – è la proposta dell’ex assessore all’Urbanistica Antonio Catalioto –, senza ledere i diritti dei privati, con la riduzione degli indici di fabbricabilità, alla luce del progressivo decremento della popolazione residente a Messina. C’è chi – lo hanno fatto le associazioni ambientaliste, con un esposto-denuncia presentato alla Procura della Repubblica – invoca la sospensione del Piano regolatore, ritenendolo illegittimo perché l’intera Variante avrebbe dovuto essere sottoposta alle procedure di Valutazione di incidenza ambientale previste dalle direttive sulle Zone a protezione speciale e sui Siti di interesse comunitario. Qualcosa bisogna pur fare. E soprattutto vanno rimossi quei dirigenti, tecnici, funzionari e progettisti che hanno messo la loro firma sulle attuali vergogne di Messina. Senza ovviamente dimenticare le gravissime responsabilità di numerosi tra amministratori e consiglieri succedutisi in quest’ultimo decennio.

Fonte: Gazzetta del Sud

Autore: Lucio D’Amico

Di scena “La Burla” di Domenico Cucinotta stasera a Forte S. Jachiddu

di Santino Irrera

Proseguono gli incontri culturali di ‘ForteTeatroFestival 2009al Parco Ecologico S. Jachiddu.

Oggi, lunedì 13 luglio, alle ore 21, sarà la volta della ‘piece’ teatrale “La Burla. Delirio semiserio di un eroe assurdo”, di Domenico Cucinotta e Mariapia Rizzo e con Domenico Cucinotta. La regia ed il progetto scenico sono dello stesso Cucinotta, la produzione è del ‘Teatro dei Naviganti’.

La trama: Nella sua dimora, circondato dagli inquietanti trofei della sua carriera di seduttore, don Giovanni riceve il pubblico come uno squisito padrone di casa. La cena che si consumerà durante questo ricevimento promette di essere un evento unico, poiché l’ospite d’ onore che si attende ha il volto velato del destino.

L’ingresso al forte S. Jachiddu per assistere alla commedia sarà di 6 euro, con possibilità di consumazione con pane caldo.

Il Forte S. Jachiddu si raggiunge dal viale Giostra seguendo le apposite indicazioni

Si raccomanda un abbigliamento da collina.

La rassegna “Estate al Forte S. Jachiddu 2009” è stata presentata  mercoledì 1° luglio, presso il Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina, in Conferenza stampa. Il Parco ecologico S. Jachiddu è gestito dalla cooperativa “Scirin”. Per presentare le attività al Forte e gli spettacoli sono intervenuti Sandro Gorgone, presidente di “Scirin” e direttore artistico della III edizione di “ForteCinema 2009”, in programma a partire da venerdì 3 luglio sul tema delle “Migrazioni”; il regista Roberto Bonaventura, direttore artistico di “ForteTeatroFestival 2009”, rassegna teatrale che ha preso il via lunedì 6 luglio; Giacomo Farina, già apprezzato musicista dei “Kunsertu”, in qualità di responsabile culturale per il Parco ecologico S. Jachiddu; Antonino Mantineo, docente universitario e presidente del Cesv – Centro Servizi per il Volontariato di Messina; Lucia Guarino, responsabile di Educazione ambientale per il Forte.

La rassegna cinematografica, cominciata il 3 luglio con “Nuovomondo” di Emanuele Crialese, continua fino al 31 luglio con i film “La generazione rubata” di P. Noyce, “La strada verso casa” di Z. Yimou, “Ferro3” di K. Ki Duk e “Dolls” di T. Kitano, nel segno del cinema d’autore, a cura di Sandro Gorgone. L’ingresso costa 4 euro e l’abbonamento 15 euro (con riduzione del 25 % per i soci sostenitori di “Amici del Fortino”).

Per la II edizione di “ForteTeatroFestival 2009”, con direttore artistico Roberto Bonaventura, si è cominciato invece lunedì 6 luglio, con lo spettacolo “Mamma. Piccole tragedie minimali” di Annibale Ruccello, con Gianluca Cesale e la regia dello stesso Bonaventura, per la produzione de “Il Castello di Sancho Panza”. Si è continuato poi giovedì 9 luglio con “Don Chisciotte invaso. Rapsodia per un attore, due attrici, tre musicisti, una pittrice e un’apparizione”, con Gianfranco Quero, Giulia Giordano, Veronica Zito, Concetta De Pasquale, Katia Pesti (pianoforte e percussioni), Daria Grillo (flauto), Carmelo Geraci (organetto diatonico), elementi di scena di Piero Serboli, musiche originali di Katia Pesti e regia di Gianfranco Quero.

La rassegna teatrale si conclude giovedì 16 luglio con lo spettacolo “Pezzi di vetro”, sempre alle 21.15, scritto, diretto e interpretato da Lucilla Mininno.

Locandina Estate al forte 2009

Previsioni meteo per la settimana: In arrivo il gran caldo

di Santino Irrera

La settimana che é appena entrata sarà caratterizzata dal gran caldo in tutt’Italia. Non saremo ancora ai livelli massimi ma si preannuncia un caldo torrido con prevalente afa e scirocco nella nostra città.

Responsabile di tale situazione l’alta pressione africana, che porrà tutta la Penisola e le isole di Sicilia e Sardegna sotto una vera e propria canicola. Il picco sarà raggiunto tra mercoledì e venerdì, caratterizzato dal cuneo africano portante, originato dallo sprofondamento di una depressione sulla penisola iberica, che conseguentemente farà giungere molto caldo anche da noi. Le temperature massime previste saranno di quasi 40° nella giornata di giovedì, con le città siciliane che riscontreranno le temperature più elevate (Messina, Catania ed Agrigento in modo particolare) ed una rinfrescata molto relativa si potrà ottenere solo a partire dalla prossima domenica ed a partire dal versante a noi più lontano, quello alpino.

Le temperature raggiunte nella nostra città le potrete seguire costantemente dal nostro servizio meteo posizionato nella colonna di destra del giornale.

Si raccomanda soprattutto agli anziani di non esporsi al sole durante le ore più calde e di bere molta acqua.