Sicilia, ARS: deputato con precedenti? E’ uno di noi!

Catalano, uno di noi. Eee.., uno di loro

Voto segreto, baci e abbracci alla faccia del pubblico

Il deputato Santi Catalano del PID era subentrato al deputato Fortunato Romano; ma la Commissione Verifica Poteri ne aveva deliberato la decadenza perché era già “non candidabile” al tempo delle elezioni. Infatti Catalano era stato sottoposto a giudizio per il reato di abusivismo edilizio; condannato in primo grado, in appello aveva patteggiato la pena. Leggi il seguito di questo post »

Messina – Campagna contro gli incendi boschivi – I sindacati: “C’è grave pericolo per la sicurezza pubblica”

Messina, incendio di San Jachiddu 2007

La stagione estiva è ormai alle porte ed il rischio incendi nei boschi della provincia di Messina cresce di giorno in giorno. Per questo motivo Cisl, Cobas-Codir, Sadirs, UGL e UIL-FPL lanciano l’allarme, avvertendo del “grave pericolo per la sicurezza pubblica per la prossima campagna antincendio 2011” che incombe nel territorio, attraverso una dettagliata nota inviata al Presidente della Regione, al Prefetto ed al Comandante del Corpo Forestale della Regione Siciliana. I dati che fanno temere per l’efficienza del Corpo Forestale nel fronteggiare il rischio, le organizzazioni sindacali li avevano già rilevati nel corso della concertazione tenutasi lo scorso 4 marzo presso l’Ispettorato delle Foreste di Messina, ma da allora nessun correttivo è stato messo in atto al fine di ovviare alla carenza di personale preposto a tale scopo. “Il Servizio Ispettorato Ripartimentale Foreste di Messina, a fronte di un organico di ruolo previsto in 305 unità, dispone di una forza di sole 96 unità, con una carenza, quindi, di 209 unità, cioè del 69 per cento”, fanno sapere i rappresentanti sindacali attraverso il loro documento.

Leggi il seguito di questo post »

Scuola Messina: Pubblicati i trasferimenti della Scuola Media

Con data odierna sono stati pubblicati i trasferimenti (mobilità) della Scuola Secondaria di I grado per l’a.s. 2011-2012 per tutta Italia. Puntualmente l’USP di Messina (ex Provveditorato agli Studi)  ne ha pubblicato la parte riguardante la Provincia di Messina (trasferimenti comunali, provinciali e interprovinciali in entrata e in uscita). Con i link sotto elencati al sito dell’USP di Messina è possibile visionare e/o scaricare i file in Pdf del decreto di pubblicazione dei movimenti, dei movimenti in provincia di Messina e dei movimenti in uscita dalla provincia di Messina.

Decr_ Pubbl. Movimenti I° gr_ 2011-12

File: Decr_-Pubbl.-Movimenti-I°-gr_-2011-12.pdf (32 kB)
Etichetta: Il decreto
Mov_ I° grado in Provincia 2011-12
File: Mov_-I°-grado-in-Provincia-2011-12.pdf (64 kB)
Etichetta: I movimenti nella provincia
Mov_ I° grado in uscita 2011-12
File: Mov_-I°-grado-in-uscita-2011-12.pdf (7 kB)
Etichetta: I movimenti in uscita

Permalink

Lo Sgarbi Festival su Mafia e Antimafia

sgarbi? no, grazie

di Antonio Mazzeo

Ai link http://www.youtube.com/watch?v=yFD77aWRpxc e http://www.enricodigiacomo.org/2011/06/20106/ è possibile seguire gli ultimi minuti dello scandaloso intervento di Vittorio Sgarbi alla 57^ rassegna cinematografica di Taormina, venerdì 17 giugno 2011.

Si è tratto di uno show in cui sono state messe sotto tiro le maggiori istituzioni e i soggetti in prima linea in Sicilia nella lotta contro la mafia (magistrati, prefetti, forze dell’ordine, ecc.), dove le affermazioni più ricorrenti sono state che “in Sicilia ormai la mafia non esiste più”, che “la vera mafia è lo Stato” e che “l’antimafia è peggio della mafia ed è ostacolo dello sviluppo dell’isola”. Leggi il seguito di questo post »

Piccoli uomini non crescono

di Ivan Zatti (Edit by Fabrizio Vinci)

Renato Brunetta non è nuovo alle sceneggiate, basta poco per vederlo andare sopra le righe. Il fatto è che quando si inalbera, il Ministro mostra spesso un atteggiamento infantile. Mette il broncio, ripete ossessivamente frasi e parole. Non è insomma un grande spettacolo, e non è nemmeno che la simpatia gli esca da tutti i pori, in questi casi. Finito il tempo della caccia ai fannulloni e di quanti dormono negli uffici scaldando il posto, dopo che lo avevano sorpreso a sonnecchiare beato in alcuni convegni, ha forse dato inizio ad una nuova campagna “diffamatoria”. Leggi il seguito di questo post »

Il Mediterraneo mistificato del Tao FilmFestival 2011

avvistati squali nel Mediterraneo

di Antonio Mazzeo

Doveva essere un CineFilmFestival all’insegna del dialogo interculturale nel Mediterraneo ma a Taormina, purtroppo, di dialogo mediterraneo si è visto assai poco. Modernamente “liquidi” gli enti locali titolari di quella che è stata per decenni una delle principali rassegne cinematografiche nazionali (la provincia di Messina e i comuni di Messina e Taormina), autorelegatisi a bancomat di distribuzione delle ingenti risorse finanziarie che tengono in vita la comatosa kermesse, ci ha pensato il main sponsor  privato a imporre logo, ordini del giorno e contenuti alla 57^ edizione del festival in corso nella città siciliana. Leggi il seguito di questo post »

Energia Mediterraneo, onde come sei centrali nucleari

Il Mediterraneo contiene un ‘mare’ di energia. Grazie al moto ondoso dei propri mari, l’Italia potrebbe produrre circa 10.000 MW di elettricità l’anno. Se si usano come parametro gli 8.000 km di costa, si potrebbe dire che l’Italia ha a disposizione un potenziale pari a 6 centrali nucleari Epr. Sono i numeri di cui si è parlato a un workshop organizzato dall’Enea dal titolo ‘Prospettive di sviluppo dell’energia dal mare per la produzione elettrica in Italia’. Al potenziale delle onde va aggiunto anche quello delle correnti. Basti pensare che quelle dello Stretto di Messina sarebbero in grado di produrre energia per una città con due milioni di abitanti. Leggi il seguito di questo post »

Forestali: nuova protesta indetta da Cgil, Cisl e Uil Messina

Tornano a protestare contro il mancato pagamento delle retribuzioni, e soprattutto contro il mancato rispetto del termine del 15 giugno precedentemente concordato con i vertici aziendali, i 2500 forestali della provincia di Messina. Ad indire la protesta che si terrà davanti alla sede dell’Azienda Foreste demaniali di Via Giordano Bruno, mercoledì prossimo, 22 giugno, i segretari generali di Flai Cgil, Giovanni Mastroeni, Fai Cisl -Calogero Cipriano- e Uila Uil – Salvatore Orlando – . Due i punti che le organizzazioni sindacali contestano duramente: il mancato avvio dei lavoratori forestali per il numero di giornate concordate e il mancato accreditamento alla sezione provinciali di Messina dei fondi necessari alle retribuzioni.
Leggi il seguito di questo post »

Risanamento parco urbano Camaro S. Antonio

Da più di 4 mesi dalla consegna dei lavori ancora TUTTO TACE a causa del mancato prelievo e smaltimento dell’amianto! La domanda a questo punto sorge spontanea: perché questa differenza di tempi sull’amianto rispetto, per esempio, agli interventi odierni alle “case Basse” di Paradiso?

 L’odissea continua…Ai già calcolati 7 anni, 2 mesi e 19 giorni che ci sono voluti dal 20 novembre 2003 (giorno dello sbaraccamento dell’area) al 8 febbraio 2011 per consegnare formalmente i lavori per la realizzazione del parco urbano di c/da S. Antonio a Camaro S. Paolo proprio sotto la chiesa parrocchiale, si devono aggiungere ad oggi altri 4 mesi e 8 giorni di SILENZIO ed INERZIA da parte degli organi preposti, visto che l’ingresso ufficiale di ruspe ed escavatori dell’impresa “Mecoin s.r.l” che si è aggiudicata i lavori, di fatto non è ancora avvenuto! IL MOTIVO? E’ sempre il solito, anzi l’ultimo in ordine di tempo: aggirato, infatti, l’ostacolo rappresentato da una particella di 60 mq. che sbadatamente non era stata considerata da Palazzo Zanca nei diversi procedimenti espropriativi, si attende ancora adesso l’affidamento ad una ditta specializzata per il prelievo e lo smaltimento dell’amianto!

Leggi il seguito di questo post »

Annullato il concerto di Vasco Rossi a Messina

«Al di là della delusione di non poter ripetere l’esperienza a Messina, che sembrava poter diventare uno degli appuntamenti fissi per i concerti in Sicilia – prosegue la nota – i problemi derivanti dalla cancellazione sono tantissimi come ben si può immaginare. Quello che è certo è che queste sono ore decisive, stanno tutti cercando di fare il possibile per trovare una soluzione alternativa in Sicilia. Anche noi attendiamo notizie definitive sul recupero della data, che potrebbe anche avvenire tra fine agosto e settembre. Non è facile, ma restiamo fiduciosi di potervi comunicare al più presto dove e quando si farà il concerto in Sicilia». Non si parla ancora di contenziosi mentre per il rimborso dei biglietti venduti si attende solo una comunicazione ufficiale. Di sicuro questo episodio rappresenta  una parentesi nera per l’immagine della città.

Leggi il seguito di questo post »

Autostrade siciliane a rischio

Due autostrade siciliane sono a rischio sicurezza. A lanciare l’allarme il Codacons, sulla situazione della A/18 (Messina-Catania) e A/20 (Messina-Palermo). Già nel 2009 il Codacons aveva presentato una denuncia alla Procura di Catania  per l’accertamento di eventuali responsabilità, chiedendo la chiusura delle tratte particolarmente a rischio e la sospensione del pagamento del pedaggio.”Nella sostanza – si legge, in una nota – la situazione permane di rischio, in quanto gli interventi non sono stati adeguati”. Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons, “chiede un intervento urgente del ministero delle Infrastrutture, per adottare i necessari provvedimenti tesi a garantire la sicurezza degli automobilisti”.
Leggi il seguito di questo post »

Al referendum con due reattori nucleari USA nel Golfo di Napoli

di  Antonio Mazzeo

Due pericolosissimi reattori nucleari con una potenza di 194 MW a presidio del voto referendario dei napoletani. Da sabato 11 giugno sono approdate nel Golfo di Napoli le unità navali USA componenti il George H.W. Bush Carrier Strike Group, la task force navale salpata un mese fa dal porto di Norfolk (Virginia) e diretta dalla USS George H.W. Bush, l’ultima portaerei della classe “Nimitz”, una delle più grandi imbarcazioni militari mai costruite nella storia, 333 metri di lunghezza, 77 di larghezza e un peso di 104.000 tonnellate. I due reattori nucleari che consentono la propulsione della portaerei sono del tipo A4W (dove A sta per Aircraft Carrier Platform, 4 per quarta generazione e W per Westinghouse Electric, la società statunitense produttrice) e hanno un’autonomia di circa 20 anni.
Leggi il seguito di questo post »

AVVIATE LE PROCEDURE DI CIGS PER CRISI ALLA TRISCELE

Messina – Nuova svolta nella vicenda della Birra Triscele. Questa mattina azienda e organizzazioni sindacali si sono incontrati all’Ufficio provinciale del lavoro per valutare la possibilità di attivazione della Cassa integrazione straordinaria. Nel corso della riunione presieduta dal direttore dell’UPL, Francesco De Francesco, l’amministratore unico della Triscele Francesco Faranda accompagnato dai suoi consulenti, ha fatto presente che nonostante l’azienda abbia già attivato contratti di solidarietà, si vede costretta a sospendere l’attività produttiva anche a causa della crisi di mercato. Le parti hanno quindi deciso di avviare le procedure di accesso alla Cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale a decorrere dal 1° Giugno che consentirà l’accesso ad un sostegno al reddito per 12 mesi ai 43 lavoratori.
Leggi il seguito di questo post »

Pacco bomba sulla A/20, forse è un avvertimento

PALERMO - Potrebbe trattarsi di un messaggio della criminalità organizzata, secondo gli investigatori, il pacco con otto candelotti riempiti di polvere pirica (materiale utilizzato per i giochi d’artificio) ritrovato intorno alle 13,30 ai margini di una corsia della Messina-Palermo. Il materiale, chiuso all’interno di una scatola, è stato scoperto dal personale del Cas a ridosso di una piazzola di servizio del Consorzio in cui c’è anche una cabina elettrica. L’esplosivo, privo di innesco, è stato posizionato tra l’uscita della galleria Guardia e l’omonimo viadotto.
Leggi il seguito di questo post »

Mezzogiorno di fuoco…nucleare. IL flash mob di Sel e della Fabbrica di Nichi

Flash mob a piazza Duomo ( Foto Mamy Costa)

di Tonino Cafeo

Avete mai visto da vicino le conseguenze di un incidente nucleare? Per il 99,9 % per cento dei nostri concittadini la risposta a questa domanda è, per fortuna, negativa. A dare un’idea di cosa succede agli esseri umani esposti alle radiazioni prodotte dai tanti incidenti, piccoli e grandi, che avvengono nelle centrali nucleari dalle origini dell’applicazione di questa tecnologia ad oggi ci pensano -quando va bene – i media. I nomi di Three Miles Island, Chernobyl, Fukushima sono bene impressi nella memoria dei più e le immagini che oggi la Rete mette a disposizione di tutti rendono l’idea di cosa potrebbe accadere ad ognuno di noi , se gli toccasse in sorte di vivere accanto ad un reattore nucleare in difficoltà.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.