CONTO ALLA ROVESCIA: (COUNTDOWN per la Torino-Lyon e non solo)


di AmbienteValsusa.it

Siamo agli sgoccioli, poche settimane e dovrebbero iniziare a scavare alla Maddalena, Chiomonte.
Un buco di 7 km, utile per “testare la trivella” e capire quali sorprese ci riservano le montagne valsusine, capire se la galleria del TAV si può fare, se il calore e l’acqua della montagna lo permettono. Questa la teoria.
Tutti i valsusini e gli italiani informati però sanno bene che la teoria è ben diversa dalla realtà. E’ ormai fin troppo chiaro che una nuova ferrovia non serve, che sarebbe insostenibile per la nostra economia, che dietro a questa opera, come a tutte le “grandi opere” ci sono interessi per nulla collettivi ma la necessità di attingere ai contributi europei e l’incapacità di progettare un futuro sostenibile per il nostro paese e per i nostri figli. TAV, Ponte sullo stretto, nuove basi militari, inceneritori di rifiuti, centrali atomiche sono tutti risultati fotocopia di questa incapacità di guardare al futuro in modo costruttivo, nel rispetto dei cittadini e delle loro reali esigenze. Capita così che le grandi opere vengano utilizzate a livello di propaganda facendo credere che siano la soluzione ai problemi.

Non ci si deve però stupire troppo di una simile situazione se sono i pubblicitari a governare, gente che prima promette, e quando si tratta di mantenere le promesse cambia discorso e comincia a raccontare barzellette sempre più stupide. E diciamocelo: il meccanismo funziona! Molte persone ridono alle barzellette e accendono la Tv per sentire la prossima… La forbice tra conoscenza e creduloneria pare allargarsi. Da una parte gente sempre più informata e cosciente della realtà, dall’altro persone che per interesse o incapacità hanno dimenticato le promesse del loro capo spirituale e ridono alle sue barzellette. La politica come una religione, una religione che costa sempre di più, ed ecco che anche da “sinistra” qualcuno propone di aumentare i rimborsi elettorali.
Diciamocelo chiaro, è qui che casca l’asino. Il TAV alla fine rischia di diventare, se non lo è già, l’ennesimo classico, antiquato modo per finanziare la politica. Per questo tutti i grandi partiti lo vogliono? Molto probabile. Forse è anche per questo motivo che le procedure autorizzative hanno dei buchi enormi, con revisioni infinite dei progetti, assoluta mancanza di una qualsiasi valutazione dei rapporti tra costi finali e benefici presunti. Ma forse tutto è semplicemente studiato per mettere le mani sul contributo europeo,e certo tutto ciò stride leggermente con le dichiarazioni del governo di voler uscire dalla UE in conseguenza della bocciatura europea sulla linea adottata dall’Italia sui rifugiati nordafricani.

La nostra riflessione finisce qui … inutile continuare. Crediamo invece molto utile fornire ai nostri lettori una serie di notizie che possono confermare le nostre analisi sulla questione Torino Lyon, attività che svolgiamo ormai da 11 anni.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: